RUOTE BOLLENTI AWARDS 2013


Cari lettori anche quest'anno volge al termine e ci ritroviamo con il nostro Ruote Bollenti Awards arrivato alla 2° edizione, vi ringraziamo per la Vostra fedeltà con questo articolo di fine anno e ci Auguriamo che l'Anno nuovo sia ricco di nuovi articoli, foto fantastiche sulla Nostra pagina Facebook e incontri ravvicinati con auto da sogno.
Allora partiamo con le premiazioni.
Come Miglior Inglese premiamo la McLaren P1 che con le sue linee e la sua tecnologia ibrida promette di dare battaglia alla Ferrari LaFerrari, alla Lamborghini Veneno e alla Porsche 918 Spyder come miglior Hypercar del globo.
Delle italiane premiamo due auto, la Lamborghini Veneno come Miglior Hypercar Italiana e l'Alfa Romeo 4C come Miglior Baby Sportiva.
Per i tedeschi premiamo la BMW M6 GC che si è rivelata la Miglior Berlina del mondo e la Mercedes A45 AMG come Miglior Hot-Hatch.

RANGE ROVER SPORT




La nuova Range Rover Sport è più agile e leggera, si colloca tra la Range Rover Evoque e la Range Rover base ma è più aggressiva con il motore 5.0 lt V8.
La vecchia versione pesava più di 2 tonnellate e il nome Sport non era poi tanto adatto, la versione con il V6 turbodiesel ha perso 600 Kg passando all'alluminio e ora la versione V8 è grande e abile ma pesa pur sempre 2310 Kg.
Non si mette in dubbio che le sue qualità in Off-Road siano le migliori, se pensate che le sue ruote hanno un'escursione di 50 cm, con la perdita di peso e le modifiche al telaio la Range Rover è più agile.

LAMBORGHINI HURACAN LP610-4


Il toro è stato finalmente liberato e si chiama Huracàn.
Dopo mesi d'attesa in cui trapelava in giro il nome Cabrera, la Lamborghini questa mattina ha svelato al mondo l'erede della Lamborghini Gallardo, la presentazione ufficiale avverrà al Salone di Ginevra 2014 e il nome completo sarà Lamborghini Huracàn LP610-4, intanto ci accontenteremo delle foto in attesa di toccarla con mano.
Partiamo dal cuore, è il propulsore della Gallardo 5.2 lt V10 rivisto che ora eroga 610 Cv e una coppia di 560 Nm a 6500 giri, lancia la Lambo fino a oltre 325 Km/h e lo scatto 0-100 avviene in 3",2.

CATERHAM S485


Quello che da tempo aspettavamo è finalmente arrivato, la nuova Caterham S485 ha un motore inedito che può essere omologato anche in UE.
Il motore in questione è un 2.0 lt Ford Duratec da 240 Cv, 60 Cv più di quello più potente già disponibile.
La novità assoluta però è la Caterham Technology & Innovation (CTI), il centro tecnico che si trova a Norfolk vicino alla Lotus, è il luogo dove un mucchio d'ingegneri hanno dato vita a questa fenomenale Caterham.

AUDI S3


Il restyling dell'Audi S3 si concentra in più potenza, trazione integrale e meno peso, con un prezzo di circa 40.000€ .
E' una delle Hot-Hatch migliori che si può trovare nel panorama mondiale, con un 2.0 lt turbo da ben 300 Cv è molto potente e veloce con una velocità massima di 250 Km/h, la coppia è di 380 Nm che la fanno scattare da 0-100 in 4",8 per un auto da 1415 Kg.
Con la trazione integrale con prevalenza all'anteriore è una cacciatrice di Supercar.

BMW M6 GC


La nuova BMW M6 GC è una M5 col tetto schiacciato e una M6 Coupé con due porte in più.
Alla BMW hanno creato una nuova nicchia di mercato, è la rivale della Mercedes CLS63 AMG,costa 136.950€ e non si può discutere che sia esclusiva ma costa 30.000 € più della M5 e 5000 € della M6 Coupé.
La divisione M hanno modificato la griglia con doppie barrette, diffusore tra gli scarichi e freni carboceramici, negl'interni si ritrovano gli stilemi M con cuciture rosse e blu e particolari in stile M su tutta l'auto.
E' velocissima grazie al 4.4 lt V8 d aben 560 Cv e 680 Nm di coppia, su una Autobahn potreste lanciarla fino ai 305 Km/h limitati a 250 Km/h, a qualsiasi andatura ha una riserva di potenza infinita che spinge con forza.

PEUGEOT 208 T16


Oggi vi parliamo del mostro che l’onnipotente Dio dei rally Sebastién Loeb ha portato a Pikes Peak e frantumato il record della Hill Climb, la Peugeot 208 T16.
I francesi hanno messo sotto la baby Peugeot un 3.2 lt V6 Turbo da ben 875 Cv, capace di uno scatto 0-100 in 1”,8 .
La 208 T16 fa sembrare una normale auto da rally una micromachine, nella classe Unlimited è consentito costruire quel che si vuole per battere il record e così i francesi hanno avuto carta bianca.
È larga due metri ed è corta, sotto la carrozzeria di fibra di carbonio c’è un telaio tubolare spaceframe che avvolge il V6.
Per ottenere la potenza mostruosa di 875 Cv hanno utilizzato il blocco motore di una Peugeot Endurance e con l’aggiunta del turbo compressore della 908 Le Mans Diesel.

ASTON MARTIN RAPIDE S


La nuova Aston Martin Rapide S è fantastica.
Forte del DNA Aston, di una tradizione e identità di marca pura e senza tempo, dentro è un microclima in pelle.
Mossa da un 6.0 lt V12, sa essere entusiasmante e la potenza, 557 Cv, la fa scattare da 0-100 in 4”,9.
È la Granturismo più pratica dell’Aston, con 4 posti e una linea che non sacrifica in nome della funzionalità, la nuova griglia frontale è enorme e lo sportello del baule è stato riprofilato, accentuando la coda d’anatra, è un look che persino la Porsche Panamera sogna, ma in fatto di praticità non è all’altezza delle rivali Porsche Panamera Turbo S, Mercedes CLS 63, Maserati Quattroporte e la BMW Gran Coupé M, per gli occupanti posteriori può risultare claustrofobica.

FIAT 500 LAMBORGHINI OEMMEDI'


L’officina laziale Oemmedì, famosa per le sue 500 “frankenstein” ne ha fatta un’altra, una Fiat 500 con motore Lamborghini da 580 Cv.
Un motore Lambo già fa scalpore di suo, ma sapere e vedere che si trova sotto una 500 fa impazzire, prima di questo mostro, Gianfranco e Leonardo Dini (titolare e figlio) si sono divertiti con altre due 500 dove hanno montato su una un motore Porsche 3.6 lt Flat Six da 260 Cv e su un’altra un motore Ferrari V8 3.0 lt.
Come sulle vecchie 500 Porsche e 500 Ferrari, per la 500 Lamborghini hanno rinforzato la carrozzeria, modificato le sospensioni, carreggiate allargate e oltre al V12 hanno montato la trasmissione 4x4 della Lambo e i freni.

AUDI RS6 AVANT


E dopo l’Audi S6 ecco che vi parliamo dell’Audi RS6 Avant, la nuova RS6 unisce praticità e prestazioni, nonostante abbia meno cilindri, con meno potenza ( sono pur sempre 560 Cv), maggiore efficienza e sia più ecologica rimane comunque un mostro con una coppia di 700 Nm.
Il Torque Vectoring e il controllo elettronico della stabilità possono essere disinseriti così da potervi divertire, al reparto RS sono degli esperti nel far “travestire” un lupo da pecora, infatti hanno preso una A6 Avant, AWD con cambio automatico ma invece del V10 5.0 lt, hanno piazzato un V8 4.0 lt da ben 560 Cv con disattivazione dei cilindri.
Con il V10 dovevi fare l’abbonamento dal benzinaio e divorava le Autobahn ma s’imprigriva quando affrontava una curva, la nuova riducendo il peso è più maneggevole.
Parafanghi anteriore, porte, cofano e portellone sono d’alluminio, come anche la barra trasversale nel bagagliaio e i duomi degli ammortizzatori anteriori e le traverse dietro i paraurti, il risultato è 100 Kg in meno.

ASTON MARTIN V12 VANTAGE ROADSTER


L’Aston Martin lanciò nel 2009 la Vantage V12 e ora si presenta con la versione Roadster.
Questo baby mostro monta un motore V12 6.0 lt da 517 Cv e 570 Nm di coppia, dentro all’Aston più piccola.
Il manuale 6 marce è meno complicato del solito, per muoversi è necessario lasciare la frizione e la coppia di 570 Nm muove i 1685 Kg, è un auto potente, con la ripresa incalzante e con un sound dai toni bassi.
Nonostante la capote in tela, non si torce ed è stabile ad alte velocità, tenete conto che raggiunge i 305 Km/h, gl’interni sono di classe e puliti nell’insieme, sedili comodi, impianto audio B&O, navigatore (da psicopatici) e pelle morbida.

VOLKSWAGEN GOLF GTI PERFORMANCE


Potete permettervi il meglio? La VW vi propone la Golf GTI .
Dovrete spendere 1125 € in più per avere la GTI con pacchetto Performance che porta la cavalleria a 230 Cv, freni più potenti e differenziale autobloccante elettroidraulico.
Angolo di sterzo ridotto, handling più preciso, maggiore velocità di entrata e di uscita in curva.
La VW Golf è un auto composta, basta scalare, senza frenare molto, e si entra in curva, anche maltrattandola non si scolla, tutte le GTI sono dotate di DPS (Drive Profile Selection) che regola la sensazione di sterzo, acceleratore e i tempi di cambiata del DSG, che stacca lo 0-100 in 6”,4 e raggiunge i 250 Km/h grazie anche ai 350 Nm di coppia.

MASERATI GHIBLI


Ritorna la Maserati Ghibli, storico nome riesumato dal passato.
Ecco la mini Quattroporte pronta a conquistare il mercato mondiale, è un Diesel ed è la prima Maserati con questa motorizzazione, il motore è un 3.0 lt V6 biturbo con 250 Cv (per l’Italia) con un sound fantastico.
C’è anche un benzina V6 biturbo di casa Ferrari, disponibile nelle due potenze, 330 Cv e 410 Cv, che come la Diesel sarà abbinato al cambio Automatico ZF 8 marce e alla trazione integrale.

BMW 3GT


Se volete una Serie 3 più alta e spaziosa eccovi accontentati, la BMW 3GT è arrivata…
È una via di mezzo tra la Serie 3 Touring e una BMW X1, a livello di sedili posteriori e bagagliaio è spaziosa come la Serie 5 Touring.
Poggia sullo stesso telaio della Serie 3 a passo allungato (la versione cinese) il che significa un aumento di spazio per gli occupanti posteriori e le valigie.

VW GOLF R CABRIO


La Golf R Cabrio nuova costa 43.325 € (in Germania), questo è il prezzo per una Ruote Bollenti esclusiva.
Si esclusiva, perché ha il vecchio telaio, non l’MQB, e non è integrale ma anteriore.
Linee incisive e pulite, che nascondono un 2.0 lt Turbo da 265 Cv e 350 Nm di coppia scaricati, dal cambio DSG a 6 marce, all’anteriore, avendo tolto il tetto hanno dovuto rinforzare la parte inferiore e così addio allo spazio per l’integrale che si ripercuote sullo 0-100 che avviene in 6”,4,  perché la Golf R compatta ne impiega 5”,5.

PEUGEOT 208 GTI


La discendente della Peugeot 205 GTi è arrivata… la 208 GTi e promette battaglia alla Ford Fiesta ST, Renault Clio RS e VW Polo GTi, per il trono di miglior baby Hot-Hatch.
La 205 GTi ha creato l’icona di una generazione e la 208 GTi porta avanti questo mito di auto utilitarie pompate e con assetti sportivi, sotto il cofano prende posto un 1.6 lt Turbo Twin Scroll da 200 Cv.
Ha carreggiate allargate, impianto frenante potenziato e uno sterzo più diretto per gestire al meglio la cavalleria.

NISSAN JUKE NISMO


Già vi abbiamo parlato di una Nissan Juke speciale, la Juke-R, ma qui parliamo della versione Nissan Motorsport o come tutti la conoscono, Nismo.
Il reparto corse della Nissan è un nome leggendario tra gli appassionati di auto e ora ha messo le mani sulla Juke.
La versione Nismo è pensata per l’Europa e l’America, l’idea è rendere pepati i modelli esistenti come la Ford fa con la Fiesta ST o la VW con la Golf GTI.
Ma non è solo estetica, il kit aerodinamico è funzionale riducendo la deportanza e aumentando il carico, ha cerchi da 18”, volante di pelle sintetica con una fascetta rossa sulla corona per capire quando è in senso neutrale, starter rosso, quadranti con cifre nere su sfondo rosso.

FORD FIESTA ST


La nuova Ford Fiesta ST è più veloce e potente, le rivali della Hot-Hatch di casa Ford sono la Seat Ibiza Cupra e la Peugeot 208 GTI.
Ha una nuova griglia nera, uno spoiler posteriore e cerchi da 17”, monta un 1.6 lt Turbo da ben 180 Cv e sprigiona una coppia di 240 Nm per arrivare a 218 Km/h, i reparti ST e RS pompano le auto Ford, e la Fiesta dimostra d’essere semplice da guidare fuori e dentro la città.
Con le sospensioni ribassate e rigide quando si passa sulle giunture autostradali, sembra d’avere una gomma a terra, la versione standard dava l’impressione di poter gestire più potenza ed ora che ha 180 Cv a disposizione sembra non risentirne, il motore d’alluminio ha iniezione diretta e turbo a bassa inerzia per ridurre il lag.

MERCEDES E63 AMG S


Un capolavoro di tecnica, stile e prestazioni, così si potrebbe definire la Mercedes E63 AMG S, è un’ammiraglia della casa tedesca, che nasconde un cuore sportivo.
È mossa da un 5.4 lt V8 biturbo da ben 585 Cv e 800 Nm di coppia che spingono la Mercy fino a 300 Km/h e stacca lo 0-100 in 3”,6, sono prestazioni incredibili per una berlina, dovrà vedersela con la BMW M6 .
L’abitacolo è confortevole e ben rifinito, da ammiraglia ma in puro stile AMG.

PORSCHE CAYMAN S


Ritorna la Porsche Cayman S (la 1° generazione veniva reputata la 911 dei poveri) e ora ha 325 Cv.
È basata sulla Porsche Boxster, con più grip, potenza, peso contenuto e telaio più rigido.
Il motore è il Boxer 3.4 lt da 325 Cv, con 370 Nm di coppia arriva a 283 Km/h e lo 0-100 avviene in 5” ed ha un sound fantastico, sbraita e stride, è la rivale perfetta per la Mercedes SLK, Audi TT e BMW Z4, il posteriore della prima non era ben definito mentre ora è scolpito, armonioso e si unisce bene alle fiancate, lo spoiler è più largo e aumenta la deportanza.
Negl’interni ricorda la 911 come plancia e cruscotto che già a sua volta sono ripresi da Panamera e Cayenne, posizione di guida ottima e sedili perfetti, si può avere il pacchetto Sport Chrono (1631 €) e scarico sportivo (539 €).

RENAULT CLIO RS


Ritorna la Renault Clio RS, questa volta con un 1.6 lt turbo da 200 Cv e 240 Nm di coppia.
Sotto la carrozzeria ci sono delle sospensioni a doppio stadio (una specie di ammortizzatore nell’ammortizzatore), sterzo elettrico, motore turbo, un cambio doppia frizione e un’elettronica di guida sofisticata.
Le palette del cambio sono a “piantone” come sulle Supercar italiane, premendo un pulsante si passa da Normale a Sport e alla Race, lo schermo centrale può integrare la telemetria per i Track Day.
Lo sterzo è connesso all’asfalto comunicando ciò che accade lì sotto, i dossi vengono bevuti bene dalle sospensioni.

MERCEDES A45 AMG


La versione AMG della Mercedes Classe A si chiama A45 e promette battaglia con la BMW M135i e l'Audi RS3.
E' una super Hot Hatch a trazione anteriore con un cuore 2 lt turbo da ben 360 Cv e 450 Nm di coppia, ha basamento d'alluminio, pistoni forgiati, iniezione diretta intelligente, il suo motore è il quattro cilindri più potente in produzione e con un sound mostruoso.
Ha un bodykit AMG con terminali di scarico cromati, inserti di carbonio e sedili sportivi.

ALFA ROMEO 4C


Finalmente è diventata realtà, l’Alfa Romeo 4C è la prima sportiva due posti con motore centrale della casa del Biscione.
A parte una modifica ai fari è rimasta fedele al prototipo del 2011, è larga quanto la Porsche Cayman, sua rivale, ma è più bassa e corta.
Viene prodotta dalla Maserati negli stabilimenti di Modena, ha una nuova vasca di carbonio con struttura sottoscocca d’alluminio davanti e dietro, rivestite di fibra di vetro.
È mossa da un 1.7 lt Turbo da ben 240 Cv e 350 Nm di coppia che devono muovere 950 Kg il che si traduce in un rapporto peso-potenza di 4 Kg/Cv, abbastanza da spingere l’Alfa 4C fino ai 250 Km/h e staccare lo 0-100 in 4”,5, pensate che la Porsche Cayman ha un 2.7 lt da 271 Cv e pesa 1310 Kg per un rapporto peso-potenza di 4,8 Kg/Cv.

PORSCHE 911 GT3



È rinata, ed è più cattiva che mai… stiamo parlando della nuova e brutale Porsche 911 GT3.
Appena nata ed è il sogno proibito di molti.
Pur essendo un’auto da pista, la GT3 è sfruttabile in modo elegante, deriva dalla 991 e rispetto alla GT3 996 e 997 il sottosterzo è praticamente annullato.
L’aerodinamica è più efficace di prima e il nuovo tasto Race Track regala emozioni uniche, regolando gli ammortizzatori ti puoi divertire.
Naturalmente a muovere la Porsche c’è il buon vecchio Boxer da 3.8 lt che produce 475 Cv, abbastanza potenza da spingere la Porsche GT3 fino a 315 Km/h scattando da 0-100 in 3”,5.

ABARTH 695 TRIBUTO FERRARI


Come tutte le 500 dello Scorpione, questa è stata elaborata con un kit ufficiale, ma della Ferrari ed è nata l’Abarth 695 Tributo Ferrari, una 500 molto pepata da ben 180 Cv e 230 Nm di coppia capace di raggiungere i 225 Km/h.
Realizzata in 1696 esemplari di cui 1199 in colore Rosso Corsa è il clone della Ferrari 430 Scuderia con cerchi bruniti da 17”, specchietti laterali di carbonio e dettagli in Grigio Corsa.
Chi compra questi esemplari speciali li tiene in garage per sfizio o per passione, ma la 695 riporta alla memoria la più cattiva delle 500 Abarth degli anni 60, sotto il cofano ronfa un 1.4 lt Turbo da ben 180 Cv, assetto rigido e peso alleggerito richiedono un minimo di esperienza nel misto.

CHEVROLET CORVETTE C7 STINGRAY


Ecco l’erede della Supercar Americana che rievoca un nome leggendario, Corvette C7 Stingray.
Il modello base costa in USA meno della Porsche Cayman e monta un V8 6.2 lt da ben 450 Cv.
Le prime modifiche si notano subito, fuori la Corvette è più aerodinamica, più tesa e incisiva, il nuovo modello ha un telaio completamente nuovo, invece di semplici tubi, ci sono due sottotelai alle estremità e sezioni centrali collegate al motore e ai montanti delle sospensioni tramite fusioni d’alluminio, così è più rigida e pesa ben 50 Kg meno arrivando a 1450 Kg.
Nel disegnarla si sono ispirati alla Ferrari 599 GTO, perfino ad un occhio meno esperto non può sfuggire la somiglianza, il modo in cui si uniscono i battitacco e le portiere, la linea che sale dallo specchietto laterale al passaruota posteriore.
Le sospensioni sono nuove, sempre a doppi bracci, ma con componenti più leggeri e resistenti, la carrozzeria è composta da pannelli più sottili rinforzati con fibra di vetro, mentre cofano e bagagliaio sono di carbonio.

LEXUS LFA


Questa cari lettori è la Supercar della Lexus, la LFA ed è folle, mossa da un 4.8 lt V10 da 560 Cv e 480 Nm di coppia, è così veloce che i tecnici hanno dovuto montare un contagiri digitale perché il tradizionale non riusciva a stargli dietro.
Il cambio è a paddle con frizione a monodisco, trasmette al pilota la sensazione di essere su un’auto da corsa, il look è tradizionale e l’aerodinamica è studiata nei minimi dettagli, dei condotti inviano nell’abitacolo il rumore del motore.
Gl’interni sono ben rifiniti con pelle morbida, sedili sportivi e volante tagliato in basso.
Un difetto della LFA è il serbatoio che è veramente piccolo e una delle vostre mete più ambite sarà il benzinaio.

TOYOTA GT86 TRD



La Toyota ha sempre cercato di attirare l’attenzione dei tuner sulla loro nuova creatura, la GT86.
Pensate, ancora prima che venisse svelata ha mostrato i disegni della Toyota GT86 ai maggiori tuner del Sol Levante.
Il Toyota Racing Development (TRD) ha già lanciato una serie di component elaborate che verranno venduti come optional sulle nuove auto e se andrà a buon fine la strategia verrà estesa alle auto già vendute.
Le due auto con e senza pacchetto TRD sono simili ma il TRD Package comprende 4 scarichi, per un sound più incisivo e 3-4 Cv extra, poi ci sono i cerchi maggiorati con una mescola che garantisce più grip.

AUDI RS5 CABRIO


Il 2013 sarà l’anno dell’Audi perché la Quattro compie 30 anni e la casa degli Anelli presenterà 4 nuovi modelli, la RS6 Avant da 560 Cv, RS7 e il primo vero SUV, la RS Q3 da 350 Cv, però arriveranno dopo la RS5 Cabrio della foto, una decappottabile a trazione integrale che stacca lo 0-100 in 4”,9 e tocca i 250 Km/h grazie ai 450 Cv, ma per domare questa cavalleria senza che l’auto si torca hanno dovuto rinforzarla parecchio.
Nonostante il tetto sia di tela e sottile l’Audi RS5 è più pesante della BMW M3 Cabriolet.

LAMBORGHINI GALLARDO LP560-4


La Lamborghini Gallardo compie 10 anni, un anno per cilindro, e inizia ad essere vecchiotta ora che iniziano a girare rivali ultramoderne come l'inglese McLaren MP4-12C e la Ferrari 458 Italia.
La Lambo è una veterana tra le Supercar e sa come realizzare una sportiva eccitante, peccato che questa nuova Lamborghini Gallardo invece di progredire è partita di traverso, le uniche modifiche sono i paraurti e un set di cerchi scintillanti da 19” Apollo polisched, nessuna modifica al motore o al telaio, nemmeno l’abitacolo è cambiato.

PORSCHE PANAMERA SPORT TURISMO


Questa Porsche Panamera Sport Turismo percorre 30 Km con un litro, peccato sia solo una concept.
Ad essere bella è bella ma quello che colpisce di questa Porsche è il suo propulsore ibrido elettrico plug-in, non tanto l’auto, ma il sistema e-hybrid lo vedremo presto, avrà batterie agli ioni di litio, dimensioni uguali all’attuale ma una superiore capacità di accumulare energia.
Le batterie offrono prestazioni migliori, accelerazione più rapida, più autonomia e velocità massima più elevata senza risvegliare il V6 da 333Cv, che accoppiato all’elettrico tirano fuori la potenza di ben 416 Cv e la velocità massima in modalità solo elettrico è di oltre 130 Km/h.

ASTON MARTIN DB9


Questa è la “nuova” Aston Martin DB9, con nuova intendiamo che i lamierati esterni per il 70% sono nuovi ma il telaio è quello della vecchia DB9, solo più rigido del 20%.
Negli interni è la stessa che possiamo ammirare da 10 anni, se desiderate 4 posti potete scegliere i sedili standard, altrimenti quelli a guscio sono perfetti, il navi non è eccellente e la pelle è ovunque.
La guida è pulita, in curva scivola con grazia anche meglio della sua rivale, la Porsche 911.
Il cambio automatico a 6 marce non sarà perfetto ma fa il suo dovere, i freni carboceramici a freddo fischiano, nel complesso una buona GT ma quando le se tira il collo la DB9 non si stringe attorno al pilota come molte sportive, al contrario, si dilata rivelando i suoi limiti.

CATERHAM SEVEN SUPERSPORT R


Esternamente non troverete differenze rilevanti e vi sembrerà la Seven standard di cui abbiamo già parlato, ma questa è la Caterham Seven Supersport R.
Ha ammortizzatori sportivi da corsa, al posto del 1.6 lt da 140 Cv c’è un 2.0 lt Ford da ben 180 Cv e 194 Nm di coppia per soli 535 Kg.
Ha un rapporto peso-potenza da Hypercar, 2,9 Cv/Kg , lo 0-100 avviene in soli 4”,8 e con la Supersport R non si deve aspettare la spinta del turbo.
Sulle strade sconnesse la guida è sobbalzante a causa degli ammortizzatori sport, ma è un auto hardcore, se volete pelle, radio e guida morbida c’è la versione Roadsport.

SEAT IBIZA CUPRA


Ritorna la Seat Ibiza in versione Cupra (Cup-Racing) ed ha una silhouette senza eguali.
Il frontale aggressivo si unisce bene alla linea filante delle fiancate, partiamo dagli interni, i sedili anteriori sono comodi e avvolgenti, il volante sportivo tagliato sotto è una chicca e l’abitacolo in generale è ben isolato.
La motorizzazione è un 1.4 lt turbocompresso da ben 180 Cv e scarica all’anteriore 250 Nm di coppia.
I 180 Cv sono disponibili a 6200 giri e i 250 Nm tra i 2000 e i 4500 giri così si sfrutta tutta la curva di potenza, ricevendo il massimo confort e il controllo dell’auto.

BMW M5 Manuale


Quello che noi Europei bramiamo da molto tempo è una BMW M5 Manuale, ma indovinate chi l’ha ottenuta? Gli Americani.
È un optional gratuito per il mercato Statunitense, ma quel cambio manuale è peggiore del doppia frizione, è più lento e meno preciso.
Ma la BMW non si è limitata a ficcare lì sotto un macinino, essendo un auto hi-tech ha pensato di montare un manuale con sincronizzazione dei regimi in innesto e in scalata e assistenza per la partenza in salita.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...